Posts Taggati ‘Partiti’

ELEZIONI COMUNALI SANREMO: CHI SARÀ IL FUTURO SINDACO?

Elezioni comunali Sanremo chi sarà il futuro sindaco - Opimedia Consulting Varazze

Nella città dei fiori tira già aria di campagna elettorale in vista delle elezioni comunali in programma nel 2019. C’è molto fermento nei partiti e movimenti che si sfideranno a maggio dell’anno prossimo nella conquista del governo di Palazzo Bellevue.

Il quotidiano online Riviera24.it, in collaborazione con OpiMedia Consulting, ha preparato uno studio sul cosiddetto “patrimonio politico” delle varie correnti, per capire come voterebbero i sanremesi se si andasse alle elezioni comunali in questo istante.

.

Lo studio in questione non è un sondaggio, ma un’analisi statistica delle opinioni di voto fatta a prescindere da quale candidato sindaco si presenti. Raffigura quel patrimonio di voti con il quale ogni candidato deve fare i conti.

Su quali dati è basato lo studio?

Si tratta di un’analisi statistica basata sui dati delle politiche 2018, quindi molto recenti, le regionali del 2016  – a mio avviso parametro fondamentale – e quelli delle ultime comunali a Sanremo, comparati con dei sondaggi di carattere nazionale, gli unici a disposizione in questo momento.

Da queste informazioni si ricava un “super indice di tendenza”che, messo a paragone con i dati storici, porta a dedurre qual è l’andamento ipotetico dello stato attuale del voto politico nella Città dei fiori”.

Cosa succede a Sanremo? Chi perde e chi guadagna…

“Vediamo un chiaro consolidamento dell’andamento nazionale. Il centrodestra è in forte recupero, mentre il Movimento 5 Stelle paga un prezzo quando si tratta di elezioni amministrative perché non riesce mai a capitalizzare l’intero ammontare del voto politico. Infatti la stima si attesta intorno al 22%: alta ma non in linea con il dato nazionale.

Secondo me la spiegazione è legata alla percezione degli elettori della qualità dei candidati a sindaco dei pentastellati. Di norma il M5S non riesce a presentare candidati che siano avvertiti dall’elettorato non schierato come particolarmente autorevoli.

E’ partito che tende a schiacciare le individualità. Automaticamente a livello locale non possono o non riescono ad esprimere caratteristiche spiccate del candidato sindaco e questo fa si che la loro visibilità diminuisca. Quello al M5S è un voto di appartenenza e non di scelta del candidato”.

Alle politiche di marzo il Movimento ha trovato una candidatura forte nel primario Massimo Conio, quanto vale un nome mediaticamente più spendibile?

“Un nome conosciuto limita il calo di consensi. Alle amministrative i pentastellati, con un candidato poco conosciuto, potrebbero perdere almeno un 10% dei voti rispetto al consenso raggiunto a livello nazionale.

Un trend interessante vede una parte dell’elettorato del M5S “in uscita”. Quel 10% almeno può non votare o scegliere un altro candidato. Una metà può scegliere altri schieramenti se a guidarli ci sono persone che fanno propri parametri di trasparenza e legalità”.

Proviamo a pensare allo scenario attuale, Biancheri si ricandida, il centrodestra trova la quadra intorno a Sergio Tommasini del Gruppo dei 100 e altri candidati a destra e a sinistra erodono punti percentuali alle due coalizioni favorite…

“Per ciò che concerne le minoranze, le quali possono diventare importanti in fase di ballottaggio, bisogna segnalare che Sanremo è un caso molto particolare. Non capita spesso, ad esempio, di notare come vi sia una base di elettorato extra PD che di norma è intorno al 4%, capace di capitalizzare un elettorato più ampio anche fino all’8%. Un elettorato laico, fondamentalmente di sinistra che altrove si registra sempre più raramente.

Sanremo è un caso sempre interessante da studiare perché ha interessi e valori economici e sociali da grande città. Questo fa si che i meccanismi politici siano più complessi del normale”.

Quanto conta il nome del sindaco e quanto quello dei candidati?

“Dipende dalla grandezza del partito e dello schieramento. Se è un partito piccolo, i candidati pesano molto di più. In una coalizione che ambisce a prendere più del 35% iniziano a pesare meno. La stima è che un buon sindaco può spostare di norma un +-3 %.

Di recente è “entrato nei manuali” il caso di Raffaella Paita che alle regionali del 2016 ha fatto perdere parecchi punti percentuali al PD. Questo perché le donne stimolano maggiori reazioni sia in positivo che in negativo.

Sanremo è uno dei casi più eccezionali. Di norma il candidato sindaco sposta al massimo un +-3%. Quanto vale oggi Biancheri in termini percentuali è tutta un’altra storia. Posso dire che vale sicuramente più del 3%”.

La sfida tra i candidati sindaco può essere determinante?

“Senza dubbio contano molto i contendenti. Un candidato di centrodestra con forti capacità di aggregazione sull’elettorato di area, riduce gli spazi politici di azione dei concorrenti. A  concorrere c’è però un sindaco uscente che ha dimostrato di essere trasversale nel consenso.

Chi si colloca nel centrodestra ha al momento un patrimonio politico che fa ben sperare sulla carta, ma molto dipende quanto il nome dell’aspirante sindaco piaccia alla base del proprio elettorato”.

E’ un buon momento per ricandidarsi?

“Nelle precedenti tornate di elezioni comunali (al 2018 ndr), abbiamo avuto un tasso del 74% di riconfermati: 3 su 4 venivano rieletti. In quest’ultima, siamo precipitati sotto il 50%.

Indice di una maggiore mobilità dell’elettorato e degli elettori che appartengono ad uno schieramento ben preciso, ma che in determinate situazioni possono fare delle scelte, non dico contraddittorie, ma più “centriste”.

Per esempio, un candidato anche se appoggiato dal centrosinistra, può essere preso in considerazione anche da chi vota moderato, se la personalità di quest’ultimo non contrasta totalmente con le proprie idee”.

Ha osservato la discesa in campo del Gruppo dei 100? Cosa ne pensa?

“La premessa è che allo stato dei fatti chi si colloca nel centrodestra parte con una base che è poco sopra il 53%. Si potrebbe usare l’espressione: “vince a mani basse”. Tuttavia il candidato del Gruppo dei 100 va a misurarsi con la popolarità del sindaco in carica, la quale dopo 5 anni di mandato si attesta statisticamente intorno al 98%. Esiste poi il tasso di gradimento e di fiducia.

Da un punto di vista tecnico le tempistiche del Gruppo dei 100 sono state perfette, perché un nuovo esponente della società civile deve fare tutto il possibile per farsi conoscere dai cittadini”.

Se la sente di sbilanciarsi in una previsione?

“Stando ai dati, il risultato pare scritto. C’è un blocco politico che ai numeri è chiaramente in vantaggio. Ma visto che Biancheri non è percepito come un candidato schierato nel centrosinistra, fattore che altrimenti gli renderebbe la vita più difficile, in realtà la partita torna ad essere abbastanza aperta.

Tutto dipende dalle capacità di quest’ultimo di attrarre dalla sua parte gli elettori di quella fetta della torta di colore blu”.

elezioni comunali sanremo elezioni comunali sanremo elezioni comunali sanremo elezioni comunali sanremo .

SE UNA CAMPAGNA ELETTORALE CONFUSA AVVANTAGGIA IL MOVIMENTO 5 STELLE

Se una campagna elettorale confusa avvantaggia il movimento 5 stelle - Opimedia Consulting

I dati in nostro possesso parlano chiaro.

Più la campagna elettorale in vista del 4 marzo si fa vivace e confusa e più una parte dell’elettorato potrebbe abbandonare le scelte “tradizionali” di centro-sinistra e di centro-destra per rifugiarsi nella scelta comunque vissuta come protestataria per eccellenza ovvero il M5S.

Dai dati medi, questo flusso è quantificabile negli ultimi 10 giorni in circa 2,3%.

.

Da un lato i litigi all’interno del centro destra tra Lega e Forza Italia, dall’altro le diatribe tra la formazione capitanata da Grasso e il Partito Democratico, lasciano il segno nei gradimenti, determinando un flusso protestatario aggiuntivo, forse deluso da una campagna elettorale che si annuncia peggiore delle aspettative in fatto di toni e contenuti.

campagna elettorale campagna elettorale campagna elettorale .

IL NOME DEL LEADER SUL SIMBOLO ELETTORALE: SCELTA CORRETTA?

Il nome del leader sul simbolo elettorale scelta corretta - Opimedia Consulting

Dai rumors, pare che il Partito Democratico abbia optato definitivamente per rinunciare a inserire il nome del leader del partito Matteo Renzi sul simbolo elettorale del partito.

Ciò in considerazione della scarsa popolarità dello stesso Renzi, e di una sorta di rifiuto a quella che alcuni dirigenti del PD definiscono di “eccessivo verticismo”.

E’ una scelta comprensibile che però pare, in termini di tecnicismo elettorale, comunque negativa.

simbolo elettorale

Nonostante, infatti, la non brillante situazione di gradimento personale dell’ex Presidente del Consiglio, l’assenza del nome determina una lacuna di identificazione che potrebbe fare perdere qualcosa in termini di bilancio elettorale.

Nella sostanza, il vantaggio dell’inserimento del leader c’è comunque, anche solo per la facilità di identificazione nella scelta.

Difficile affidare un valore numerico, che dipende ovviamente anche dalla popolarità del leader. In ogni caso,  per il PD il mancato inserimento, potrebbe comunque portare a un bilancio (tra le due scelte opposte di inserimento o no) con un meno davanti.

simbolo elettorale simbolo elettorale simbolo elettorale simbolo elettorale simbolo elettorale .

UN VOTO FRAMMENTATO CHE NON FORNISCE INDICAZIONI PRECISE

Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise

E’ un’analisi ragionevole quella che propongono alcuni commentatori che riferiscono di un turno elettorale – quello delle elezioni Amministrative 2016 – estremamente variegato e per certi versi contraddittorio.

Difficile infatti, pretendere di trarre solide argomentazioni e deduzioni, da dati elettorali estremamente vari, profondamente legati a situazioni specifiche, definite da storie di governo locale, personaggi, sindaci e liste nazionali e non, che fanno fatica a strutturarsi in modo davvero definitivo.

Se una linea di fondo si vuole proprio trarre, è quella di una sfida tra potere e “antipotere” che a seconda delle situazioni di riempe si un colore politico anziché un altro.

Se a Roma, l’opposizione al sistema assume i vesti del M5S, così non è – ad esempio – a Milano dove lo stesso partito si aggira sul 10%. Se a Milano il centro destra si conferma come competitor solido, così non è a Torino, dove invece scompare di fatto dai radar dei dati degni di nota. E ancora Napoli, dove altra situazione assolutamente anomala, porta al successo netto al primo turno un sindaco reduce da quella famosa “sfornata” di sindaci indipendenti di sinistra oggi praticamente scomparsa.

Ecco dunque, che le “anomalie” si sommano e si stratificano, quasi a dimostrare che le anomalie sono piuttosto “normalità” nel senso che si disegna un’Italia estremamente varia e quasi “anarchica” per i mutamenti in corso, spesso in direzioni completamente opposte.

In questo quadro appare assolutamente azzardato tentare deduzioni a scendere sul Governo nazionale; di certo non pare esservi un successo forte come per le Europee ma nello stesso tempo pare altresì arduo dedurne difficoltà politiche sostanziali. Un passaggio intermedio dunque, che per certi versi lascia davvero “il tempo che trova”, in attesa di indicazioni più precise e univoche, ammesso che questo Paese, sia in grado davvero di darne ancora.

Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise .

OTTIMI RISULTATI PER LE RICERCHE OPIMEDIA IN TUTTA ITALIA

Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia

Ancora una volta Opimedia Consulting si conferma la società di comunicazione politica specializzata per la Liguria ma non solo.

Le ricerche svolte in questa fase elettorale hanno condotto lo staff tecnico a ottenere ottimi risultati con sondaggi politici accurati che hanno dimostrato anche rispetto ad altri istituti, una particolare cura e precisione nelle ricerche effettuate. Tutto questo, in un contesto particolarmente articolato e mutevole, caratterizzato da un’estrema frammentarietà dei risultati, fortemente legati a situazioni specifiche del territorio.

La prevalenza delle personalità in gioco e la debolezza generalizzate dei partiti politici per lo meno in senso tradizionale, rendono le situazioni elettorali estremamente fluide; in questo contesto operare con strumenti previsionali come le ricerche demoscopiche, richiede sempre più una profonda conoscenza delle dinamiche socio-economiche nei minimi particolari, oltre a budget sufficienti per indagare in modo approfondito i “rumors” elettorali.

In questo senso Opimedia Consulting ha ancora una volta confermato livelli di precisioni elevati, rafforzandosi come  punto di riferimento per la ricerca politica di qualità in Italia.

“E’ un contesto estremamente dinamico con mutamenti rapidi e per certi versi repentini quelli che si registrano nei nostri dati in prossimità dell’appuntamento elettorale fissato. Per questo, sempre più, si rende necessaria – spiega Paolo Ghibaudo, senior manager di Opimedia Consulting – una strutturata azione di survey che segua tutti i passaggi di una campagna elettorale al fine di potere registrare con precisione quei mutamenti d’opinione che hanno tempi di reazioni sempre più corti in un’ottica di motivazione al consenso e dunque al voto finale”.

Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia .