Posts Taggati ‘Elezioni presidenziali’

REFERENDUM COSTITUZIONALE: L’INCUBO DEI SONDAGGISTI? I “NON VOTANTI”

referendum costituzionale - 4 dicembre 2016 - opimedia consulting - varazze liguria

Oggi è l’ultimo giorno in cui possono essere pubblicati i sondaggi sul referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre.

Le ricerche opinionali sono, dopo le elezioni presidenziali negli Usa, sul banco degli accusati. Troppi errori, troppa fretta nel farli.

Eppure, i sondaggi su un referendum dove si voterà con un “Si” o con un “No”, sono tecnicamente piuttosto semplici da realizzare e gli errori dovrebbero essere ridotti al minimo.

.

Ecco perché sono da considerare attendibili, al momento, le ricerche che piuttosto uniformemente indicano il “No” in vantaggio con una forbice del 52%-56% a seconda degli Istituti di ricerca. Si tratta di un margine al riparo da errori statistici.

Esiste però un incubo per i miei colleghi ricercatori e non si chiamano “Indecisi” come si potrebbe pensare, per i quali non è difficile intuire le dinamiche di scelta. Questo incubo si chiama in realtà “affluenza”, un dato storicamente arduo da prevedere perché il più suscettibile di variazioni dell’ultimo momento sulla spinta emotiva di fatti o avvenimenti particolari.

Capire cosa sceglieranno coloro che per ora non intendono votare e poi invece lo faranno è il vero problema. E’ all’interno di questo enorme gruppo di circa il 50% del corpo elettorale (composto dalla somma degli “indecisi” e soprattutto dei  “non votanti potenziali”) che si nasconde l’esito finale.

Proprio su questo  si concentreranno nei prossimi 15 giorni le ricerche più serie ed articolate, e ovviamente, il lavoro dei partiti e degli uomini politici.

referendum costituzionale referemdim costituzionale referemdum costituzionale referendum costituzionale .

ELEZIONI PRESIDENZIALI USA

elezioni presidenziali usa - opimedia consulting varazze

Noi non siamo così. Opimedia se volete, è già passata dallo stretto cancello degli errori. Lo ha fatto in un mercato molto più difficile e sofisticato di quello della misurazione delle opinioni in USA.

Nelle presidenziali USA, erano impegnati circa 350 istituti di ricerca e solo una manciata hanno fatto un buon lavoro. E’ incredibile, ma è così.  E’ per questo che Opimedia è diversa. Gli esperti di Opimedia, sanno leggere in anticipo “cosa c’è nell’aria”, forti dei dati e dei numeri ma anche da metodi qualitativi che indicano possibili problemi da analizzare.

Non abbiamo il culto cieco del tecnicismo ad ogni costo, e la componente umana, l’esperienza, il fiuto e il buon senso nei nostri team di lavoro, sono molto importanti.

In tutti i modi ai nostri clienti spieghiamo, ad esempio, che una donna non necessariamente è la candidata migliore per prendere voti da una donna e la stessa cosa vale per le questione di età.  Sono banalità che purtroppo, sopravvivono perfino tra chi si professa un “ricercatore-consulente-sondaggista”.

Contano le emozioni vere, i “perché” ci si alza ogni mattina e per quale motivo ci si impegna o non lo si fa, contano le preoccupazioni e i timori e contano i soldi che si hanno nel portafoglio. Conta l’umanità dell’essere tutti i giorni, ed è ciò che veramente deve essere monitorato e valutato per ottenere buoni risultati nel marketing o nella politica.

Non è la “Waterloo” dei sondaggi; è la disfatta dei sondaggi fatti pensando di avere la verità in tasca ed idolatrando la “tecnologia”, dimenticandosi che davanti non si hanno numeri ma persone, con le loro timidezze, i loro segreti, le loro reticenze.

Passare con un rullo compressore non serve a nulla: fretta, montagne di numeri, hanno dimenticato la sensibilità che secondo il nostro modo di lavorare, deve fare parte del bagaglio professionale di una società specializzata nel campo delle rilevazioni opinionali. Un altro buon motivo per rivolgersi a Opimedia con convinzione, quella di un buon lavoro, vero.

elezioni presidenziali usa elezioni presidenziali usa elezioni presidenziali usa elezioni presidenziali usa .