Posts Taggati ‘Elezioni Amministrative’

UN VOTO FRAMMENTATO CHE NON FORNISCE INDICAZIONI PRECISE

Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise

E’ un’analisi ragionevole quella che propongono alcuni commentatori che riferiscono di un turno elettorale – quello delle elezioni Amministrative 2016 – estremamente variegato e per certi versi contraddittorio.

Difficile infatti, pretendere di trarre solide argomentazioni e deduzioni, da dati elettorali estremamente vari, profondamente legati a situazioni specifiche, definite da storie di governo locale, personaggi, sindaci e liste nazionali e non, che fanno fatica a strutturarsi in modo davvero definitivo.

Se una linea di fondo si vuole proprio trarre, è quella di una sfida tra potere e “antipotere” che a seconda delle situazioni di riempe si un colore politico anziché un altro.

Se a Roma, l’opposizione al sistema assume i vesti del M5S, così non è – ad esempio – a Milano dove lo stesso partito si aggira sul 10%. Se a Milano il centro destra si conferma come competitor solido, così non è a Torino, dove invece scompare di fatto dai radar dei dati degni di nota. E ancora Napoli, dove altra situazione assolutamente anomala, porta al successo netto al primo turno un sindaco reduce da quella famosa “sfornata” di sindaci indipendenti di sinistra oggi praticamente scomparsa.

Ecco dunque, che le “anomalie” si sommano e si stratificano, quasi a dimostrare che le anomalie sono piuttosto “normalità” nel senso che si disegna un’Italia estremamente varia e quasi “anarchica” per i mutamenti in corso, spesso in direzioni completamente opposte.

In questo quadro appare assolutamente azzardato tentare deduzioni a scendere sul Governo nazionale; di certo non pare esservi un successo forte come per le Europee ma nello stesso tempo pare altresì arduo dedurne difficoltà politiche sostanziali. Un passaggio intermedio dunque, che per certi versi lascia davvero “il tempo che trova”, in attesa di indicazioni più precise e univoche, ammesso che questo Paese, sia in grado davvero di darne ancora.

Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise Un voto frammentato che non fornisce indicazioni precise .

OTTIMI RISULTATI PER LE RICERCHE OPIMEDIA IN TUTTA ITALIA

Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia

Ancora una volta Opimedia Consulting si conferma la società di comunicazione politica specializzata per la Liguria ma non solo.

Le ricerche svolte in questa fase elettorale hanno condotto lo staff tecnico a ottenere ottimi risultati con sondaggi politici accurati che hanno dimostrato anche rispetto ad altri istituti, una particolare cura e precisione nelle ricerche effettuate. Tutto questo, in un contesto particolarmente articolato e mutevole, caratterizzato da un’estrema frammentarietà dei risultati, fortemente legati a situazioni specifiche del territorio.

La prevalenza delle personalità in gioco e la debolezza generalizzate dei partiti politici per lo meno in senso tradizionale, rendono le situazioni elettorali estremamente fluide; in questo contesto operare con strumenti previsionali come le ricerche demoscopiche, richiede sempre più una profonda conoscenza delle dinamiche socio-economiche nei minimi particolari, oltre a budget sufficienti per indagare in modo approfondito i “rumors” elettorali.

In questo senso Opimedia Consulting ha ancora una volta confermato livelli di precisioni elevati, rafforzandosi come  punto di riferimento per la ricerca politica di qualità in Italia.

“E’ un contesto estremamente dinamico con mutamenti rapidi e per certi versi repentini quelli che si registrano nei nostri dati in prossimità dell’appuntamento elettorale fissato. Per questo, sempre più, si rende necessaria – spiega Paolo Ghibaudo, senior manager di Opimedia Consulting – una strutturata azione di survey che segua tutti i passaggi di una campagna elettorale al fine di potere registrare con precisione quei mutamenti d’opinione che hanno tempi di reazioni sempre più corti in un’ottica di motivazione al consenso e dunque al voto finale”.

Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia Ottimi risultati per le ricerche Opimedia in tutta Italia .

ELEZIONI COMUNALI SAVONA: SONDAGGIO

Elezioni Comunali Savona sondaggio - Opimedia Consulting

Il giudizio sull’amministrazione comunale uscente di Savona non risulta particolarmente positivo.

A fronte di un 35% di cittadini soddisfatti (con il 2% di “Molto soddisfatto”) compare un 44% di insoddisfatti, con all’interno di questo dato, un 24% di “Per nulla soddisfatti” e dunque in posizione particolarmente critica. Il 21% infine, ritiene che non vi siano elementi di particolare soddisfazione o insoddisfazione. Occorre tenere conto che di norma, in Italia, dati sotto il 50% di gradimento ovvero che sommano “Molto soddisfatto” e “Abbastanza soddisfatto”, indicano un giudizio di fondo negativo.

In genere, il limite del  60% di gradimento complessivo, si assume quale dato di giudizio complessivamente positivo per un’amministrazione uscente, con l’eccellenza rappresentata dal traguardo non rarissimo del 70% di gradimento complessivo.

Buon vantaggio di Cristina Battaglia con 13 punti di vantaggio sui due principali avversari. Il dato, segnato da un parziale vantaggio legato alla maggiore popolarità anche per via delle recenti elezioni primarie del PD, appare tuttavia, lontano dalla soglia della vittoria al primo turno.

A tale dato, contribuisce al momento anche il buon risultato delle lista della sinistra, con Ravera che raggiunge un 6% e la Pongiglione il 4%. Occorre tenere conto che questi ultimi due candidati, in particolare la Pongiglione, hanno già anticipato i tempi della campagna elettorale, con un possibile piccolo vantaggio sul tasso di popolarità.

Resta comunque, il dato politico di un 11% complessivo di elettori che non si collocano in area PD, pur dichiarandosi elettori di sinistra.

Il candidato del M5S sembra al momento non portare ne togliere valore numerico alla lista di appartenenza, collocandosi in linea con il risultato del partito di appartenenza. Risultato interlocutorio della candidata del centro destra Caprioglio, non ancora in grado di coagulare i voti di appartenenza di schieramento. Tra gli indecisi, prevalgono al momento, leggere preferenze per voto a favore del M5S e del centro destra. Tra le curiosità, significativo il voto femminile a leggero favore delle due candidate donna e la prevalenza di quello maschile per il M5S (quasi + 10% rispetto alla media). Tra i giovani buono l’appeal verso il Diaspro e Ravera mentre con il salire dell’età, guadagnano consensi rispetto alle medie di quota, la Battaglia e la Pongiglione.

PD al 32% oltre a un 4% di liste civiche di centrosinistra e un ulteriore 6% dei movimenti che si collocano alla sinistra del partito guidato a livello nazionale da Renzi.

Un risultato in leggera crescita rispetto ai dati delle Regionali 2015, che però non consegnano una buona probabilità di evitare il secondo turno di elezioni il 19 giugno. Lega Nord che si conferma prima formazione del centro destra a fronte della forte riduzione di Forza Italia, che fatica a raggiungere la soglia del 10%.

L’area centrista si deve accontentare di poco più del 2% e ad oggi non pare risultare determinante per gli esiti finali del voto.

Significativo al momento il range negativo tra potenziale politico della coalizione di centro destra e il dato preferenziale del candidato di aerea; si vedrà nelle prossime settimane se la Caprioglio sarà in grado o meno di riassorbire questo delta negativo.

M5S in linea con i dati regionali e una qualche difficoltà a captare alcuni movimenti di opinione (ad esempio la questione del bitume ecc.) che paiono avere una qualche ripercussione positiva più verso i soggetti politici della sinistra (Pongiglione, Ravera).

Infine, occorre tenere presente la grande importanza del dato di affluenza che sarà registrato; tale percentuale potrà determinare importanti cambiamenti sia al primo che al secondo turno, con sensibili vantaggi di prospettiva per alcuni dei candidati a discapito di altri.

Tale meccanismo potrebbe assumere ancora maggiore rilevanza al turno di ballottaggio.

elezioni comunali savona elezioni comunali savona elezioni comunali savona .

elezioni comunali savona elezioni comunali savona elezioni comunali savona .

Savona 2016, sondaggio IVG.it | Leggi tutto